Domande & Riposte

Di seguito troverete alcune delle più frequenti domande relative al dissipatore di rifiuti alimentari.

L'uso del dissipatore di rifiuti in Italia è legale?

Non solo in Italia l'utilizzo del dissipatore per rifiuti alimentari è previsto dalla normativa, ma è addirittura l'unico modo autorizzato di smaltire il rifiuto tramite gli scarichi di casa. Recita così il DL 152/199, modificato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3/1/2009: "Non è ammesso lo smaltimento dei rifiuti, anche se triturati, in fognatura, ad eccezione di quelli organici provenienti dagli scarti dell’alimentazione trattati con apparecchi dissipatori di rifiuti alimentari che ne riducano la massa in particelle sottili, previo accertamento dell’esistenza di un sistema di depurazione da parte dell’ente gestore del servizio idrico integrato, che assicura adeguata informazione al pubblico anche in merito alla planimetria delle zone servite da tali sistemi. L’installazione delle apparecchiature è comunicata da parte del rivenditore al gestore del servizio idrico, che ne controlla la diffusione sul territorio".

É pericoloso per le dita?

L'assenza di lame o coltelli ed il funzionamento tramite interruttore pneumatico garantiscono un altissimo livello di sicurezza per tutta la famiglia. E’ comunque pericoloso inserire le mani mentre il dissipatore è in funzione: i martelletti e le vele rotanti possono seriamente ferire mani e dita. E’ consigliabile sorvegliare i bambini affinché non scambino il dissipatore di rifiuti per un giocattolo e prestare molta attenzione quando l’apparecchio viene utilizzato con dei bambini accanto.

Qual è il suo ciclo di vita?

La migliore e più avanzata tecnologia applicata alla produzione dei dissipatori, unita a una procedura semplice e sicura, garantiscono un funzionamento senza problemi e una lunghissima vita al prodotto. Il ciclo di vita dei dissipatori dipende comunque dal modello e dal singolo utilizzatore: il modello più piccolo ha una durata media di 3/4 anni, mentre il modello top di gamma arriva ai 10/12 anni di vita.

Quanto consuma?

Il dissipatore comporta un consumo annuo indicativo di 2 mc di acqua per una famiglia composta da tre persone ed un consumo energetico tra i 25 e i 30 kWh/anno per famiglia, equivalenti complessivamente a circa 5 euro/anno. 

Come si installa?

Pur essendo un’operazione relativamente semplice, è sempre consigliabile far effettuare l’installazione di un dissipatore a personale abilitato. L’attività d’installazione e manutenzione richiede un’abilitazione di legge e implica una particolare responsabilità dell’operatore a garanzia degli utenti (v. legge 46/90), connessa al rispetto del fondamentale principio della regola d’arte applicabile al singolo impianto installato, anche alla luce delle istruzioni e delle avvertenze fornite dal produttore o dal distributore del prodotto stesso.

Devo controllare le tubature prima di installarlo?

Il dissipatore è compatibile con quanto esistente e installato oggi in Italia. Plastica o simili sono i materiali più indicati, mentre le vecchie tubature in piombo, precedenti agli anni 70, possono provocare qualche inconveniente a causa dei depositi di detersivo che, con gli anni, si sono accumulati sulle numerose curve a gomito previste dalla tipologia di impianti dell’epoca. 

Qual è l'impatto sulle nostre fognature?

In un paese come gli Stati Uniti, dove la penetrazione dei dissipatori è del 50% (ossia un cittadino su due lo possiede), l’impatto sulla rete fognaria è del 4%, poiché le micro particelle sono formate per il 90% da acqua. Un impatto simile è pressoché nullo, e lo sarebbe quindi ancora meno in Italia, dove la popolazione è cinque volte inferiore. 

Avrò un risparmio sulla Tarsu?

In teoria sì, ma la Tarsu non viene ancora applicata a pieno regime da tutti i comuni. Pertanto è meglio informarsi presso il proprio comune.

Quanto risparmia un comune?

Uno studio del 2012 conclusosi a Chieri, in Piemonte, stabilisce che il dissipatore evita i costi di raccolta (porta a porta) e di trasporto della Forsu - Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano. Secondo i dati pubblicati da ISPRA nel 2011, in Italia in media si può stimare un costo di raccolta, trasporto e trattamento Forsu di 50,1€/fam/anno. La differenza ottenibile mediante l’uso del dissipatore porterebbe a un vantaggio oltre che economico ambientale e di salute. Potenzialmente se tutte le 22 milioni di famiglie italiane fossero dotate di questo sistema, si verificherebbe un decremento di costi pari a ben oltre mezzo miliardo di euro all’anno.

Un dissipatore richiede manutenzione?

No. Il dissipatore è stato concepito in modo da non richiedere nessuna manutenzione. Il modo migliore per mantenerlo in buone condizioni è un uso regolare. Per mantenerlo pulito è sufficiente far scorrere brevemente dell’acqua fredda  dopo l’uso. E’ comunque consigliata una regolare manutenzione delle tubazioni di scarico.

Quanto costa farlo funzionare?

I costi richiesti per il funzionamento di qualsiasi dissipatore sono relativamente bassi. La velocità con la quale InSinkErator dissipa i rifiuti assicura un basso consumo energetico. Utilizzando un dissipatore da 0,55 CV per un mese, si consumerà la stessa quantità di elettricità di una lampadina da 10 watt accesa per un’ora. I dissipatori utilizzano poca acqua, ma grazie alla rapidità di un InSinkErator il consumo dell’acqua del dissipatore sarà assolutamente minimo – in media un aumento dello 0,04% rispetto al normale consumo d’acqua.

Quanto tempo occorre per sminuzzare i residui di cibo?

Solo pochi secondi, sebbene dipenda dalla quantità e dal tipo di rifiuti. Il suono del dissipatore cambia quando i rifiuti alimentari nella camera di dissipazione sono completamente sminuzzati, in quanto i martelletti girano a vuoto. Una volta sminuzzati tutti i rifiuti, spegnete il dissipatore e lasciate scorrere l’acqua per circa 15 secondi per rimuovere i rifiuti dalla camera di triturazione e farli scorrere attraverso lo scarico.

Che cosa succede se rimangono dei rifiuti nel dissipatore?

Aggiungere un po’ di bicarbonato di sodio per facilitare la pulizia. Per ottenere maggiore freschezza, provare a sminuzzare un limone o un agrume per alcuni secondi. Non introdurre sostanze chimiche nel dissipatore. Vedere l’apposito capitolo nel manuale d’istruzioni allegato al dissipatore.

Il dissipatore ha smesso di funzionare e sembra che non sia alimentato.

È probabile sia scattata la protezione di sovraccarico  che protegge il motore da sollecitazioni dannose. Dopo essersi assicurati che il dispositivo non sia alimentato da corrente, verificare l’interno del dissipatore e togliere eventuali oggetti caduti dentro, come utensili metallici, ecc. Al termine, premere il pulsante di ripristino alla base del dissipatore. La semplice pressione del pulsante ripristinerà il motore. Se a questo punto l’elettrodomestico sembra non essere alimentato, controllare i cavi.

Il motore emette un leggero ronzio, ma il disco rotante non gira.

Qualcosa impedisce al piatto girevole di ruotare. Tutte le unità sono dotate  di una piccola chiave (simile ad una chiave a brugola).  Escludere la corrente ed inserire la chiave nella presa sotto la base del dissipatore. Ruotare lla chiave in senso orario e antiorario fino a quando è possibile ruotarla  di 360°. Togliere la chiave e premere il pulsante rosso di ripristino.

Il motore funziona ed il disco orizzontale gira ma il cibo non sembra venire eliminato.

Togliere la tensione e verificare l’interno del dissipatore. Assicurarsi che i due martelletti di metallo sul piatto girevole possano girare liberamente a 360°. Se sono bloccati, provare a dare alcuni colpi ai martelletti con un utensile in legno o altro attrezzo per cercare di liberarli.

Devo installare un lavello speciale o un lavello nuovo nella mia cucina?

No. Un dissipatore si adatta a lavelli sia con vasca normale che piccola, in acciaio o altro materiale. I lavelli con foro standard di 3, 5 pollici (90mm) sono l’ideale e il dissipatore è fornito con un attacco di questa dimensione. Tuttavia sono disponibili pilette per la maggior parte dei fori non standard, oppure è possibile usare un dispositivo di allargamento per adattare  il proprio lavello in acciaio inox al foro standard da 3,5”. Se pensate di rinnovare la vostra cucina, questo è il momento ideale per considerare l’importanza dell’igiene e della praticità e per eliminare il problema dei rifiuti alimentari. Il dissipatore può essere applicato anche in cucine o lavelli esistenti.

La presenza di una fossa biologica rappresenta un problema?

Avere una fossa biologica non rappresenta alcun ostacolo. I sistemi settici richiedono già una certa quantità di sostanze derivate dal cibo per accelerare le varie reazioni biologiche. Una normale fossa con una capacità di 1800 litri è assolutamente adeguata.

I dissipatori di rifiuti alimentari sono rumorosi?

Sono straordinariamente silenziosi ... molto più silenziosi  di quanto immaginiate. La rumorosità dei motori InSinkErator è particolarmente bassa e alcuni modelli sono studiati per ridurla ulteriormente.

Se si rompe il dissipatore potrò lo stesso usare il lavello?

Le rotture sono rare, ma se il dissipatore si rompe, è possibile usare normalmente il lavello. L’acqua scorrerà facilmente nello scarico attraverso i fori del disco di triturazione, anche se il dissipatore è stato disattivato.

Sono facili da installare?

Ciascuna unità viene fornita unitamente ad istruzioni dettagliate, il kit di adattamento al lavello ed all’attacco per il tubo di scarico della cucina. Non si richiede l’uso di attrezzi speciali. In caso di dubbi, contattate un tecnico per eseguire l’installazione. Il servizio assistenza InSinkErator è a vostra disposizione per aiutarvi nell’installazione.

Il dissipatore di rifiuti alimentare è compatibile con il sistema fognario della mia città?

Tutti i sistemi fognari sono progettati per gestire rifiuti domestici scaricati con l’acqua. I rifiuti alimentari dissipati sono costituiti dal 83% di acqua ed hanno una composizione chimica simile alle acque nere che possono essere facilmente trasportate in qualsiasi sistema fognario esistente.

Cosa succede se non sono in grado di risolvere un problema da solo?

Potete contattare il servizio di assistenza tecnica InSinkErator al numero 800 430078.

Qual è il sistema idraulico del rubinetto di acqua bollente?

Semplice. I rubinetti di acqua bollente InSinkErator si collegano all’acqua di rete. È possibile effettuare la connessione autonomamente o, se si desidera, con l’aiuto di un idraulico. Vedere la guida all’installazione.

Di quale tipo di alimentazione necessita il rubinetto di acqua bollente istantanea?

Il rubinetto di acqua bollente necessita di una presa fusa da 13 ampere.

Ho bisogno di un nuovo lavello all’acquisto del rubinetto di acqua bollente?

No. Il rubinetto di acqua bollente può essere installato nel lavandino esistente.

Il rubinetto di acqua bollente soddisfa le esigenze di acqua calda?

Sì, facilmente. Un rubinetto di acqua bollente InSinkErator può fornire fino a 100 tazze di acqua bollente a 98°C all’ora.

Con quale frequenza bisogna sostituire il filtro?

In base all’uso di una famiglia media, sarà necessario sostituire il filtro del rubinetto di acqua bollente InSinkErator due volte l’anno.

Esiste un modello di rubinetto di acqua bollente InSinkErator dotato di un dispositivo di sicurezza che previene l’apertura accidentale?

Sì, certamente. La serie di rubinetti InSinkErator 3300 offre un meccanismo di arresto/ leva di sicurezza.

L’installazione del rubinetto per acqua bollente richiede una pressione minima dell’acqua?

Sì, è necessaria una pressione minima di 1,7 bar.

Qual è la temperatura dell’acqua in uscita?

La temperatura massima dell’acqua è di 98°C, ideale per le bevande calde e innumerevoli lavori in cucina.

Quali sono le dimensioni del serbatoio di acqua bollente e dove viene collocato?

Tutti i rubinetti di acqua bollente InSinkErator salvano spazio, utilizzando un serbatoio da 2,5 litri collocato agevolmente sotto la maggioranza dei lavandini.

Posso installare il rubinetto di acqua bollente InSinkErator autonomamente?

Con l’accesso a una presa elettrica e una conoscenza di base di idraulica, il rubinetto di acqua bollente InSinkErator può essere installato facilmente. Tuttavia, si avrà bisogno probabilmente di un professionista per l’installazione, se la superficie della cucicna è in pietra, granito, Corian, ecc. Vedere la guida all’installazione.

È necessaria una regolare manutenzione?

No, non è necessaria alcuna manutenzione.